Tra i vicoli di città vecchia

mappa.pdf

 Click qui per scaricare la mappa da stampa – in arrivo

A differenza di maggior parte delle città italiane, a Trieste non fiorì mai né il Rinascimento né il Barocco e il cuore della città è caratterizzato dalla presenza del borgo medioevale, un piccolo universo mercantile, che dialoga con la città moderna voluta dall’Impero Austroungarico dopo la pace con i Turchi nel 1719. Particolarmente significativa risulta allora quest’itinerario attraverso la città vecchia, che abbraccia la città romana e quella medioevale, per passare quindi alle prime realizzazioni neoclassiche settecentesche, agli esempi legati al boom del porto nel ‘800 fino ad alcuni edifici liberty di inizio ‘900. Un percorso da accompagnare con le letture dei principali scrittori triestini come Saba e Svevo, oppure da coloro che, passando per Trieste, ne hanno fatto riferimento nei loro scritti, come per esempio Andric.

PERCORSO

Partenza dal Knulp. Si sale a piazzetta della Valle fino a Casa Mosco in via Tigor, poi lungo via San Michele la chiesa anglicana. Da non perdere la Rotonda Pancera, uno dei simboli della Trieste emporiale di fine ‘700 con la sua elegante architettura neoclassica. Lasciata la Rotonda Pancera si imbocca Piazza Barbacan con l’Arco di Riccardo, di epoca romana, per poi scendere verso Piazzetta Trauner, centro del vecchio ghetto ebraico. Poi si prosegua verso Piazza Hortis e la chiesa di Sant’Antonio Vecchio, con la Biblioteca Civica e la Scuola alle spalle. Tappa finale in Piazza Venezia, con il monumento dedicato a Massimiliano d’Asburgo, il Museo Revoltella nell’antica residenza dell’omonimo barone, commerciante triestino e uno dei principali finanziatori dello scavo del Canale di Suez e, di fronte, l’ex pescheria.

TAPPE CHIAVE

  1. Piazza della Valle
    – Piazza della Valle 3, Francesco Bruyn,1834
    – Piazza della Valle 2, Giovanni Degasperi,1835
    – Piazza della Valle 1, Giovanni Berlam,1853
  2. Via della Valle-Via Cereria
    – Via della Valle 3, Palestra Cobolli – architettura storicista
    – Via della Valle angolo via Cereria – architettura neoclassica
    – Via Cereria, Casa Mosco – architettura liberty
  3. Case Mosco
    – Vie Cereria, Tigor e San Vito, Giovanni Maria Mosco, 1906-1909
  4. Chiesa anglicana
    – Via San Michele, Giacomo Fumis, 1830
  5. Rotonda Pancera Piazza Barbacan
    – Via San Michele 1, Rotonda Pancera, Matteo Pertsch, 1804-1806
    – Via del Trionfo, Arco di Riccardo, I sec. a.C.
  6. Antico ghetto ebraico – Piazzetta Trauner
    – Piazzetta Trauner, circa 1500
  7. Piazza Hortis
    – S. Antonio Vecchio, 1560
    – Palazzo Biserini, Pietro Nobile, 1817
    – Istituto Nautico, Giovanni Righetti, 1877
  8. Piazza Venezia
    – Statua dell’Arciduca Massimiliano d’Austria, Johann Schilling, 1875
    – Piazza Venezia 6-7, Valentino Valle, 1826
    – Piazza Venezia 1, Domenico Corti, 1832
    – Piazza Venezia 2-3, Valentino Valle, 1834
    – Via del Lazzaretto Vecchio 3-4, Domenico Corti, 1832
    – Via Diaz, Palazzo Revoltella, Friedrich Hitzig, 1852-59
LETTURE

Umberto SABA, Tutte le poesie, Milano 1988

Giani STUPARICH, Trieste nei miei ricordi, Trieste 2004

Giovanni Guglielmo SARTORIO, Memorie biografiche, a cura di L. Resciniti e S. Volpato, Trieste 2001

ARTICOLI
ALTRI ITINERARI
COMMENTI

3 Comments

  1. Sono uno dei volontari del Museo Ferroviario, anzi credo di essere il primo che ha conosciuto passando in Museo per chiedere informazioni.
    Quando ho saputo delle pagine dedicate al Museo sono andato a guardarmele e.. ho scoperto Trieste !!
    Complimenti per le pagine sul Museo e anche per tutto il resto che leggerò pian pianino con calma.
    Cordiali saluti

    Renzo Iancer

  2. « Spesso, per ritornare alla mia casa prendo un’oscura via di citta vecchia. Giallo in qualche pozzanghera si specchia qualche fanale, e affollata e la strada. »

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *